Il Primo Ministro greco Lucas Papademos riceve l'approvazione del governo su tagli al bilancio che corrispondono al 7% del Pil nei prossimi tre anni e su una ristrutturazione finalizzata a ridurre di €100 mld gli oltre €200 mld di debito detenuto dai creditori privati, atteso il voto del parlamento • Standard & Poor's declassa il merito creditizio di 34 banche italiane tra cui UniCredit a BBB+ da A, Intesa Sanpaolo a BBB+ da A e Banca Monte dei Paschi di Siena a BBB da BBB+, S&P anticipa "una redditività decisamente debole per le banche italiane nei prossimi anni" • La produzione industriale italiana aumenta a dicembre +1,4% da novembre +0,3%, oltre le stime degli economisti +0,5%, anche se i dati del quarto trimestre -2,1% suggeriscono che la terza economia della zona euro è entrata nella seconda recessione dal 2009 • I Btp decennali salgono per la quinta settimana consecutiva, il periodo di recupero più lungo in oltre cinque anni, la prossima settimana il Tesoro vende €4 mld di buoni al 6% con scadenza 2014 • L'euro cala dal massimo di due mesi contro il dollaro, il mercato azionario europeo cala dal massimo di sei settimane e l'azionario Usa registra la prima settimana di perdite del 2012 dopo che i ministri delle finanze europee non hanno concesso il pacchetto di aiuto necessario a prevenire il collasso economico della Grecia

venerdì 15 luglio 2011

Otto banche non passano lo stress test Ue con una mancanza da €2.5 mld

A otto banche europee sono mancati complessivamente 2.5 miliardi di euro di capitale in una condizione di emergenza simulata dell'andamento economico da parte dell'Unione europea.


La greche EFG Eurobank Ergasias e Agricultural Bank of Greece, l'austriaca Oeterreichische Volksbanken e le spagnole Banco Pastor, Caja de Ahorros del Mediterraneo, Banco Grupo Caja3, CatalunyaCaixa and Unnim non hanno superato la prova. Tutte le banche italiane, tedesche, francesi, britanniche e irlandesi hanno passato la prova.

É stata la prima valutazione fatta dall'Autorità bancaria europea da quando é stata istituita all'inizio dell'anno. Il test fatto dal suo predecessore l'anno scorso fu ritenuto non sufficientemente duro, alla fine le banche mostrarono di avere bisogno di 3.5 miliardi di euro di capitale, un decimo delle stime più basse degli analisti. Le banche che non passano lo stress test devono presentare un piano di aumento di capitale entro tre mesi.

Le banche bocciate non avevano riserve sufficienti per mantenere un coefficiente Tier 1, core Tier 1 capital ratio, del 5 percento nel caso di un rallentamento economico. Altre 16 banche, comprese sette spagnole, sono riuscite a farcela con un Core Tier 1, compreso tra il 5 e il 6 percento.  

Lo stress test dell'agenzia di valutazione del credito Standard & Poor's, pubblicato a marzo, ha trovato che le banche europee avrebbero bisogno di capitali freschi per almeno 250 miliardi di euro nel caso dovessero affrontare un repentino aumento dei rendimenti e un severo peggioramento dell'economia.

Un sondaggio condotto dalla Goldman Sachs tra 113 investitori a giugno ha mostrato un'aspettativa di aumento di capitale da 29 miliardi di euro alla fine del test.

1 commento:

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".