Il Primo Ministro greco Lucas Papademos riceve l'approvazione del governo su tagli al bilancio che corrispondono al 7% del Pil nei prossimi tre anni e su una ristrutturazione finalizzata a ridurre di €100 mld gli oltre €200 mld di debito detenuto dai creditori privati, atteso il voto del parlamento • Standard & Poor's declassa il merito creditizio di 34 banche italiane tra cui UniCredit a BBB+ da A, Intesa Sanpaolo a BBB+ da A e Banca Monte dei Paschi di Siena a BBB da BBB+, S&P anticipa "una redditività decisamente debole per le banche italiane nei prossimi anni" • La produzione industriale italiana aumenta a dicembre +1,4% da novembre +0,3%, oltre le stime degli economisti +0,5%, anche se i dati del quarto trimestre -2,1% suggeriscono che la terza economia della zona euro è entrata nella seconda recessione dal 2009 • I Btp decennali salgono per la quinta settimana consecutiva, il periodo di recupero più lungo in oltre cinque anni, la prossima settimana il Tesoro vende €4 mld di buoni al 6% con scadenza 2014 • L'euro cala dal massimo di due mesi contro il dollaro, il mercato azionario europeo cala dal massimo di sei settimane e l'azionario Usa registra la prima settimana di perdite del 2012 dopo che i ministri delle finanze europee non hanno concesso il pacchetto di aiuto necessario a prevenire il collasso economico della Grecia

mercoledì 10 luglio 2013

Grillo è un furbone, non il problema

(Antonio De Martino) Vorrei chiarire una cosa importante.

Molte persone, tra cui amici e conoscenti, speso mi chiedono:

“Antonio, ma perché parli male di Grillo e dei Grillini? Comunque rappresentano una forma di lotta politica positiva volta al cambiamento. Insomma, anche se hanno dei difetti sono sempre meglio dei politici corrotti che abbiamo avuto finora.”

La mia risposta:

Il paese ha una storia politica travagliata che non è riuscita a fare mai niente di buono. Le motivazioni sono sempre le stesse: 20 regioni diverse, varie dominazioni storiche, etc, etc. In un certo senso non aveva poi tutti i torti Mussolini quando diceva che era inutile governare gli italiani. Per questo motivo ogni volta che si è presentato il salvatore della patria, a parte l'euforia iniziale, non è mai accaduto niente di concreto. L'ultimo esempio prima di Grillo è stato l'ex giudice Antonio Di Pietro. Quando ci fu mani pulite negli anni '90 tantissimi italiani dissero che era venuta finalmente una persona onesta che stava cambiando l'Italia. Poi sappiamo tutti come è andata a finire.

Ora che c'è l'estate, la gente già si sta dimenticando del Beppe Nazionale e pensa già all'affitto dell'ombrellone con la moglie casalinga e i suoceri grassi al seguito con birra e panini nelle borse.

Il problema non è Grillo, ma gli italiani. Grillo è solo un furbone che sta sfruttando la loro stupidità. Quando tutta questa storia sarà finita, e finirà presto fidatevi, nessuno più si ricorderà di Grillo e dei suoi super poteri. E coloro, che hanno un po' di sale in zucca, non possono far altro che prenderlo in giro. Quei ragazzini in parlamento che lo seguono cadranno nell'oblio. Qualcuno di loro al massimo continuerà a fare politica al vecchio modo e guadagnerà un po' di soldi per sistemarsi. Molti di loro sono disoccupati e del sud. Non sono riusciti neanche a realizzarsi lavorativamente e dovrebbero risolvere i problemi di una Nazione intera? E' semplicemente ridicolo.

Quindi, a tutti quelli che credono che un genovese furbone possa fare il miracolo di cambiare il paese dico: svegliatevi è usate il cervello! E soprattutto ricordatevi il passato!


(Antonio De Martino è laureato in Scienze politiche e appassionato di modellismo dinamico. Le opinioni espresse gli appartengono).

Nessun commento:

Posta un commento

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".